In uscita il nuovo album degli Altera – “Italia sveglia!”.

 

ALTERA

presenta

ITALIA SVEGLIA!

note per destare un paese – pt. 1

 

“Produzioni dal basso”

Distribuzione: Venus

Data di uscita: 2 giugno 2012

 

Il disco svela Il primo segreto di don Andrea Gallo

(il prete “da marciapiede” della Comunità di S. Benedetto al Porto GE,

citato da A. Celentano a Sanremo… OSPITE SPECIALE in voce e video)   

 

IL VIDEOCLIP

Dal 14.05.2012 sarà disponibile on line, come anteprima del disco, il videoclip “Italia sveglia!”, regia di Pietro Barabino. Protagonista un ragazzo che, inebetito… guarda la televisione in un prato. Si alternano le immagini che vede sullo schermo, tra ballerine, venditori e politici, a quelle dei suoi pensieri, con la gente in piazza che protesta, mentre la band suona in mezzo all’erba, forse evocata dal ragazzo: doppia sorpresa finale. Il videoclip è anche in versioni  sottotitolate in inglese, spagnolo, francese e tedesco. “Italia sveglia!” è il brano “universale” del disco: “fotografa” con ironia le paure nostrane, invita a reagire e nel  ritornello chiarisce le intenzioni: “Se il governo se ne frega, pensaci tu, se la tv ti frega, fattela tu…“). Un riff aggressivo che si “inchioda” in testa, la cassa in quattro, il ritornello da cantare e… un grido liberatorio all’improvviso… che è necessità, bisogno, urgenza…“Italia sveglia!” è un invito potente a contrastare l’immobilismo, ad impegnarsi per sognare e “cercare” un paese diverso e migliore…  Un  provocatorio contributo da “liberi cittadini”, prima che da musicisti...

 GUARDA QUI IL VIDEO:

 http://youtu.be/vj9n1DuIikw

 

 

LA BAND

Un cantante sul palco con un libro in mano…  Gli Altera sono una band genovese attiva da tempo sulla scena rock nostrana, autori di un genere che è stato definito “poesia elettrica” o “rock testimoniale”, per l’abitudine di inserire spesso voci “esterne” al posto del cantato.  Emblematico al riguardo il loro “Canto di spine - versi italiani del ’900 in forma canzone“, co-prodotto nel 2001 con Franz Di Cioccio (PFM) per S4/Sony (e premiato al MEI nel 2008), con la poetessa Alda Merini seminuda in copertina ed una nutrita schiera di ospiti (la stessa Merini che recita e suona il pianoforte, Mario Luzi, Raffaele Crovi, Alessandro Quasimodo, Paolo Fresu, Steve Piccolo e membri delle più “note” rock band italiane: Skiantos, Afterhours, C.S.I., Modena city ramblers, Massimo volume, Timoria, ecc. Da ricordare anche l’esordio con  “Livida speranza” nel dic. 1996 (all’interno una curiosa versione di “Annarella” dei Cccp), la partecipazione a raccolte quali “Fuori dal Mucchio vol. 1“, “Aia da respia – Genova canta De Andrè“, “Arci libertà e musica Vol. 2“, colonne sonore come I ragazzi del Salvemini di G. Bugani e “(Salvare) la Costituzione”, del cantante, nella collana di librini artigianale d’arte “Pulcinoelefante” di Alberto Casiraghi. Durante il G8 di Genova Altera sarà l’unico gruppo musicale ad aderire come firmatario al Genoa Social Forum, schierandosi in modo netto. In tempi “non sospetti” hanno suonato anche in luoghi inusuali come librerie, scuole, ospedali psichiatrici ed ex lager, nonché all’estero in Germania, Austria e Romania. La band, penalizzata nel suo percorso da numerosi cambi di formazione, si è trasformata da tempo in una sorta di collettivo artistico “aperto” ad altre attività, che ha comunque sempre ruotato intorno al nucleo originario, formato da Davide Giancotti (chitarre, programming, musiche) e Stefano Bruzzone (voce, testi, rotte).  Sotto vari aspetti è un gruppo che ha anticipato o aperto strade, dando il LA al successivo interesse di vari musicisti italiani verso la poesia. Gli Altera sono: Davide Giancotti chitarre, Stefano Bruzzone voce, Claudio Luvarà batteria e Fabio Agrone basso. 

Sulla copertina del loro disco precedente (prodotto con  Franz Di Cioccio della PFM), venivano musicate poesie di autori come Montale, Quasimodo,  Pasolini, Caproni, Luzi…
suonavano con loro Paolo Fresu, Manuel Agnelli, Emidio Clementi, Roberto “Freak” Antoni… in copertina la poetessa ALDA MERINI a seno nudo

Oggi si ripresentano con un disco altrettanto coraggioso e fuori dagli schemi che, attraverso la scelta delle “Produzioni dal basso”, racconta  la crisi “totale” del nostro paese: in copertina un’immagine satellitare dell’Europa, con l’Italia… spenta, al buio…

Gruppoaltera.com


Ascolta “IL CANTO” degli ALTERA (2001): una poesia di ALDA MERINI, con la poetessa che suona il piano e legge i suoi versi, la tromba di Paolo Fresu e la batteria di Franz Di Cioccio (PFM) insieme alla band genovese: questo brano è considerato da molti l’omaggio musicale più alto ad Alda Merini 

www.youtube.com/watch?v=_3turqipRcQ

Fonte: Comunicato Stampa

Ricevi ora il nuovo catalogo!

Lascia un Commento

Registrati per lasciare un commento.

Gravatars mostra la tua fotografia personale. È possibile ottenere la vostra gravatar gratuitamente!