“A cuor contento”, con Giovanni Lindo Ferretti si ripercorre 30 anni di musica.

“A cuo contento” è il progetto di Giovanni Lindo Ferretti che insieme agli ex Ustmamò Enzo Bonicelli al violino e Luca A. Rossi al basso e chitarra elettronica era in scena ieri alle Officine Cantelmo di Lecce.

Foto di Giulio Schirosi by www.b-frame.it per LineaMusica.it

Lo spettacolo ripercorre i 30 anni della musica di Ferretti, riarrangiando pezzi come Radio Kabul, Morire, Depressione Caspica, Annarella.

Personaggio controverso Ferretti nel 1982 è leader dei CCCP, band fondata dopo un incontro a Berlino con Massimo Zamaboni, considerata una della formazioni più importanti del panorama punk sia italiano che europeo, negli anni 90 da vita ai CSI per poi arrivare ai Pgr ancora insieme a Giorgio Canali e Gianni Maroccolo già CSI.

In questi anni Ferretti riesce a passare da icona Punk a grande estimatore di Papa Ratzinger concetto ribadito più volte dalle pagine dell’Avvenire su cui ha una rubrica settimanale; da anarchico a elettore per la Padania cosa poi negata in recenti interviste.

Foto di Giulio Schirosi by www.b-frme.it per LineaMusica.it

Il lavoro con gli Ustmamò attorno a Ferretti è comunque cosa grande perchè sintesi di un percorso che ha saputo essere riferimento per generazioni dagli anni 90 l’elettronica e la chitarra di Luca A. Rossi è essenziale e fa da base al raffinato violino di Enzo Bonicelli.

I Romantici al concerto sono molti, quasi roba da lacrimuccia nostalgia di un periodo ormai andato su cui riflettere sempre, nostalgia di quel punk che in Italia è passato velocemente.

La redazione di LineaMusica.it ringrazia i collaboratori esterni per i contributi e

un particolare ringraziamento a  Pierpaolo Lala di COOLCLUB, per la cortesia e disponibilità. 

Fonte: Giulio Schirosi di www.b-frame.it e Roberta Fiordiponti per LineaMusica.it


Lascia un Commento

Registrati per lasciare un commento.

Gravatars mostra la tua fotografia personale. È possibile ottenere la vostra gravatar gratuitamente!