DNR… L’ Intervista

LineaMusica.it ha mandato le sue due reporter Barbara e Mara ad intervistare i DNR in occasione del concerto che si è tenuto Sabato 29 Maggio scorso all'Honky Tonky di Seregno (MB) e ad esibirsi sul palco, anche Luminor (ex tastierista e seconda voce dei Cinema Bizarre).

I ragazzi si presentano e si dimostrano da subito gentilissimi. Dopo le prime domande, le cose che ci sono saltate subito all'occhio sono l'umiltà e la passione per quello che fanno.. caratteristiche difficili da trovare oggigiorno. Sono coscienti che la strada da fare è ancora lunga e da come potrete leggere nella seguente intervista, sono pronti a rimboccarsi le maniche e lavorare per raggiungere l'obiettivo prefissato.

Cominciamo con la prima domanda: il vostro tour, iniziato verso la fine del 2009, ha toccato città importanti come Mosca e Parigi e prossimamente, vi esibirete a San Pietroburgo e Ekaterinburgo. Come siete stati accolti dalle fan?

Sieg: Sinceramente molto bene. Anzi, spesso meglio all'estero che qua (però lo diciamo a voce bassa). Comunque, in generale molto bene.

Avete riscontrato delle differenze nei vari Paesi?

Sieg: Mah.. diciamo che forse Mosca è stato il posto dove siamo stati accolti meglio, forse in assoluto.

 

E' mai successo qualcosa di imbarazzante durante un live? Avete voglia di raccontarci un aneddoto?

Ash: (rivolto a Sieg) Puoi raccontargli di quando ti si è spaccata la chitarra.

Sieg: Esatto.

Axia: Quando si spacca, nel trambusto ci diamo una mano.

Sieg: il wireless, si scarica la batteria e cose così..

 

Questo progetto discografico dove vi sta portando? Cioè, le vostre precedenti aspettative sono state soddisfatte?

Axia e Sieg: Ci stiamo lavorando.

 

intanto c'è il tour, vi avrà appagato in qualche modo..

Sieg: E' già una bella soddisfazione.

Axia: Adesso vediamo, ci stiamo ancora lavorando. I DNR non sono ancora niente di finito e tra virgolette ci stiamo ancora formando. Non abbiamo ancora un video ma lo faremo sicuramente a breve.

Kira: Diciamo che uno dei prossimi obiettivi sarà quello di arrivare dove la nostra musica c'è già perché vediamo che i nostri gruppi di supporto nascono un po' ovunque e ci piacerebbe andare a suonare per queste persone che stanno magari dall'altra parte del mondo.

 

Per esempio di là c'è una ragazza dal Giappone.

DNR: Esatto!

Ash: C'è anche una ragazza dall'Austria.

Axia: Si, dall'Austria e dalla Svizzera.

 

Cosa provate sul palco quando il pubblico è in delirio?

Axia e Sieg: Eh.. !

 

Deve essere una bella sensazione..

Ash: Quello è il motivo per cui suoniamo. Ci da' carica e ci emoziona..

Axia: Responsabilità anche.

Sieg: Si.

 

Cosa avete provato quando vi siete esibiti per la prima volta con questa formazione? Sappiamo che prima c'erano anche degli altri ragazzi che suonavano insieme a voi..

Ash: Abbiamo avuto dei cambiamenti nella line-up e adesso speriamo di aver raggiunto quella definitiva.

Kira: Alla fine sono stati solo due quindi non è che..

Ash: Ci troviamo molto bene in questo momento noi quattro..

Sieg: E adesso sentiamo che è giunto il momento per spingere di più e puntare più in alto.

 

A quale canzone vi sentite più legati? Perché?

Kira: E' come chiedere ad una mamma qual è il suo figlio preferito, ha difficoltà.. Cioè, dipende: i pezzi che scrivo io sono i più belli.

Sieg: La mia la so.

 

Qual è?

Sieg: ‘Rock Princess' perché parla delle nostre fan.

 

Il vostro rapporto con Luminor, com'è?

Sieg: Ottimo direi, anche se purtroppo l'ostacolo della lingua magari ci porta talvolta ad escluderlo ma dopo.. si sistema.

 

Stacchiamoci un po' dalla vera definizione del vostro genere musicale che è la Visual Kei. Se doveste definirla con una sola parola, quale sarebbe?

Kira: Eurovisual. Non è propriamente Visual Kei perché purtroppo o per fortuna, dipende, non siamo giapponesi ma ‘Eurovisual'. E' la fusione che stiamo cercando di proporre alle persone che prende parte dal Visual Kei giapponese e parte dal rock più vicino alla realtà europea. Speriamo che questo mix convinca anche se finora ora, sta andando molto bene.

 

Oltre alla collaborazione con Luminor (ex membro dei Cinema Bizarre) ce ne sono altre già programmate? Oppure vi piacerebbe collaborare con qualcuno in particolare?

Kira: Siamo aperti ad ogni tipo di collaborazione.

Ash: Per ora non abbiamo progetti.

Sieg: Per ora non abbiamo progettato niente di particolare però, perché no?

 

Ci sono dei comportamenti delle vostre fan che vi infastidiscono?

Sieg: No. Finora devo dire nulla.

Axia: Come tutti i gruppi che hanno delle fan, bisogna sempre un po' capire chi ti prende in giro e chi veramente è affezionato ma, lo stiamo vedendo.

Ash: A volte possono essere un pochino esagerate ma alla fine fanno piacere perché loro ci sono sempre.

 

Quindi.. alle vostre fan, voto dieci.

DNR: Si.

Sieg: Ai fake.. meno dieci!

 

Ad una band che vuole intraprendere un cammino simile al vostro, quale consiglio vi sentite di dargli?

Kira: Lascia perdere

(risata generale)

 

Proprio così, molto schietto. Non c'è un consiglio che volete dare tipo: non arrendersi mai, continuare a credere nei sogni..

Sieg: Sicuramente, quella è la cosa principale. Seconda cosa fai un video subito, non dopo dieci anni.

Axia: Fai il video e poi la canzone, no.. scherziamo.

Sieg: Esatto.

 

Cosa vi sentite di dire invece a chi sostiene che una volta diventati famosi, ci si monta un po' la testa?

Axia: Non ci riteniamo ancora famosi.

Sieg: Esatto, quindi non possiamo ancora farlo..

 

All'estero avete comunque un numero di fan non irrilevante..

Sieg: Si ma non siamo ancora abbastanza famosi da montarci la testa.

Axia: Bisogna tenere la testa a posto e lavorare.

Ash: Testa bassa e tanto lavoro.

 

Quindi se un giorno diventaste famosi non perdereste la testa.. insomma, questa è la dichiarazione che ci volete lasciare.

Axia: Mah, abbiamo tutti fatto molta, ma molta gavetta quindi se qualcosa dovesse arrivare ci sentiremmo sotto un certo punto di vista soddisfatti.

Ash: Non penso ci scorderemo mai da dove siamo arrivati.

Kira: ..Si spera almeno.

Sieg: Esatto. Di solito chi si monta la testa è quello che diventa famoso in un batter d'occhio senza fare il minimo sforzo. Quando uno si fa la gavetta..

Axia: Ne abbiamo sentite di tutti i colori.

Kira: Anche perché spesso, un'accusa che viene lanciata a questa band è di essere costruita a tavolino e non è assolutamente così. Come puoi vedere (indica dietro la videocamera) di là ci sono delle nostre amiche che realizzano tutto questo e, noi siamo quello che abbiamo progettato. Non c'è nessuna raccomandazione dietro.

Ash: Ci siamo tutti fatti il mazzo..

Axia: Siamo una vera band come quelle che vedi tutti i giorni in strada, diciamo. E' solo molto più complesso organizzare tutto in un gruppo come il nostro ma ci proviamo e ci stiamo riuscendo.

 

Come spendete il vostro tempo libero? Giusto per farci un po' i fatti vostri..

Axia: i videogiochi giapponesi!! No, credo che ognuno abbia i suoi divertimenti. Il mio e il suo (indicando Sieg) sono i videogiochi, sicuramente.

Kira: A suonare, a studiare musica. Sono sempre attaccato al computer a fare audio rating.

Ash: Cinema, fare e ascoltare musica, leggere, giocare ai videogiochi..

 

Da cosa è nato il vostro nome?

Ash: Il nome in origine era ‘Do Not Reanimate' poi abbiamo cambiato e optato per un qualcosa di un pochettino più allegro, più ottimista e siamo diventati i ‘Dreams Not Reality'.

Kira: Anche perché cambiando cantante e alcune cose che ci rappresentavano di più, abbiamo deciso di fare quello che ci sentivamo intraprendendo un cammino forse più difficile ma che ci appartiene e ci fa sentire noi stessi. Questa è la nostra realtà attuale..

 

e.. i vostri nomi?

Kira: Il mio viene fuori da un sogno che ho fatto anni fa. Mi sono immaginato così e di essere chiamato Kira.

Ash: Personalmente ‘Ash' è il personaggio del mio film preferito e ho voluto rendergli omaggio. Mi ha sempre affascinato e quindi, ho deciso così. Ero abbastanza indeciso e alla fine ho scelto quello.

Sieg: Il mio deriva da un videogioco giapponese (senza fare nomi) ed è un passatempo, volendo semplificare al massimo.

Axia: Non ho avuto precisi istinti diciamo, mi piaceva come suonava e ho deciso.

 

Perfetto, Vi ringraziamo per la disponibilità e come ultima cosa vi chiediamo di salutare i nostri lettori.

DNR: Ciao!

Sieg: Stay Dreamer.

 

Non ci resta che augurare loro tanta fortuna e, ringraziare chi ha reso possibile la nostra presenza all'evento.

 

Grazie a:

Magix Promotion – Live Music Agency e Marco Piu per averci concesso l'intervista;

Misa (Mara) per avermi affiancata durante l'intervista ed essersi occupata della registrazione.

Un ringraziamento speciale va ai Ragazzi e alla loro semplicità
(nel banner, da destra): Kira, Ash, Axia, Luminor (Special Member) e Sieg.

Inoltre, ad affiancarli nelle prossime date del tour, un ospite d'eccezione: Bacco, direttamente dai Freakout.

 

© MyeLe per LineaMusica.it

Giugno 2010


Lascia un Commento

Registrati per lasciare un commento.

Gravatars mostra la tua fotografia personale. È possibile ottenere la vostra gravatar gratuitamente!