MODA: Natale e Capodanno

Che cosa mi metto? Quesito all'ordine del giorno per noi donne, sopratutto quando gli eventi ci permettono di osare un pochino di più rispetto al trend quotidiano. Natale e Capodanno.

Feste, party e veglioni. Non c'è che dire, le occasoni non mancano e così, anche per una cena a casa tra amici, il must è un look impreziosito da piccoli dettagli  ricchi di fascino.

Le vetrine dei grandi nomi della moda  forniscono una serie di spunti  che possono essere presi in considerazione quando non ci si può permettere un abito d'alta sartoria.

Gli stilisti in passerella enfatizzano i concetti su cui puntano le loro collezioni e l'esigenza di spettacolarizzare la sfilata è un'esigenza comune. Sapersi creare un proprio stile, magari ispirandosi a qualche modello, o meglio, a qualche piccolo dettaglio di un capo di una nota casa di moda, è  la scelta ottimale. La creatività reinventa il fashion style e sapere assemblare e mixare capi ed accessori, delineano personalità e gusto. Sono da sempre  i particolari che fanno la differenza, impariamo quindi ad osservarli con attenzione.

Le parole d'ordine sono: eleganza, femminilità e stile. Si agli elementi che da soli, come accessori e dettagli, sono in grado di donare quel tocco glam in più . Si ai fiocchi, fiocchetti, gale e nastri. Raso, seta, velluto, taffettà, strass. Uno o al massimo due, per trasformare il classico tubino in un capo da sera. Meglio tono su tono e di dimensioni proporzionate al modello dell'abito  che necessariamente, come sempre, deve essere scelto in base alla fisicità, oltre che alla personalità, di chi lo indossa. Si ad un tocco di rosa, senza esagerare. Soprattutto se abbinato al nero e al grigio perla.

Assolutamente chic il total white. L'unica avvertenza è che il modello non deve per nessun motivo ricordare un abito da sposa. No all'effetto meringa. Quindi si ai modelli corti, lisci e senza troppi orpelli. No a scarpe chiuse e bianche! Si a sandali e chanel oro, argento e satinati. Se l'abito non ha ricami si può optare per un sandalo gioiello, arricchito di pietre e colore.. Impeccabile sarebbe un soprabito che, esternamente o internamente sia dello stesso tessuto dell'abito. Si al ripescaggio vintage. Un abitino, una borsa, una pochette o un gioiello.

Alcuni consigli per la scelta dell'abito da sera e che possono applicarsi, in genere, anche per il look di tutti i giorni.

No alla carnevalata. Non esagerare con look eccessivi ed estranei alla personalità di chi li porta.
Tenere sempre a mente: fisicità, personalità e circostanza, prima di scegliere l'abito da sera.

No ai tessuti stretch, terribili, impietosi e decisamente cheap. Segnano e mostrano qualsiasi piccolo difetto, in più il troppo aderente non è mai elegante. Da evitare anche per giovanissime e longilinee. Tutine, body e sottovestine elasticizzate sono da mettere al bando sempre. A mio personale gusto, bruttini anche i leggins. Molto anni ‘80, accettabili solo negli anni ‘80. Con i tacchi poi…..

No alle mini gonne per le signore sui quaranta. A mio parere mai e in nessun caso. Si sa, qui ci sono pareri contrastanti. Ma una giovane donna di quarant'anni dovrebbe avere acquisito la consapevolezza della propria femminilità, che potrà essere espressa senza "mostrare" tutto il campionario! Una misura appena sopra il ginocchio potrebbe andare. Tutto ciò che è più corto va lasciato a ragazze più giovani e con fisici atletici.

SI alle scollature come particolare unico dell'intero look. Bello il decolletè davanti e ancora più affascinante un abito scollato sulla schiena. O uno o l'altro. No alla biancheria in bella vista, che ovviamente va indossata. Abitini da sera senza reggiseno, a meno che non siano di sartoria, di raffinato design o con corpetti preformati, non dovrebbero mai essere indossati, soprattutto da una signora. No anche a quelle camicette che sembrano di due taglie più piccole, che appaiono straboccanti e decisamente volgari.

No ai leopardati, lunghi, corti, colorati e ingioiellati.

No agli abiti da "Cenerentola" per feste in casa. A meno che non ci si trovi in un ambiente di grandi dimensioni , un salone per esempio, è meglio evitare gonne ampie e lunghe che potrebbero diventare d'impaccio per chi le porta e per chi le gravita intorno!

Importantissimo: Se si sceglie di partecipare ad un evento importante anche i signori uomini dovranno adeguarsi. Il nostro cavaliere dovrà essere elegante quanto noi. Niente di più triste di una coppia che sembra vestita per occasioni completamente diverse, ma terribile anche la coppia, di cui avrei in mente un esempio lampante, ma mi astengo, tanto mi avete capito, che sembra uscita da un cartellone pubblicitario!

Un look che possa essere un passpartout informale? Il classico tubino nero. Sempre. Corto, lungo, longuette. Scollato a barchetta, a V o con le spalline.

Per occasioni meno formali, per le giovanissime, perfetto anche un jeans scuro e a sigaretta, con una bella camicia bianca, importante e preziosa, indossati con accessori brillanti.

Bello con il jeans anche un top o un corsetto rivisitato. Se il jeans è strettissimo, tipo leggins, vi prego, almeno mai con le scarpe chiuse e con tacchi a spillo. Un sandalo alto, il più nudo possibile è meglio.

Sono le occasioni come le festività comandate che donano a molte l'opportunità di sfoggiare un look più prezioso del solito. L'importante è non esagerare.

Mai come in questo caso la nota citazione  "griffata" è perfettamente compatibile:

"Vesti male e noteranno l'abito. Vesti impeccabilmente, noteranno la donna." Coco Chanel

Viviana Vincenzi per http://www.chicmagazine.it/

Photo by http://www.brigittepollio.com/

Chic Magazine.it - Lifestyle & Links


Dicembre 07


Lascia un Commento

Registrati per lasciare un commento.

Gravatars mostra la tua fotografia personale. È possibile ottenere la vostra gravatar gratuitamente!